Graziadio Isaia Ascoli an Hugo Schuchardt (024-00218)

von Graziadio Isaia Ascoli

an Hugo Schuchardt

Mailand

09. 04. 1877

language Italienisch

Schlagwörter: Diezstiftung Networking Bopp-Stiftung Curtius-Stiftung Publikationswesen Publikationsversand Wissenschaftliche Diskussionen und Kontroversen La Perserveranza Übersetzung Florenz Rom Ascoli et al. (1878) Schuchardt, Hugo (1877)

Zitiervorschlag: Graziadio Isaia Ascoli an Hugo Schuchardt (024-00218). Mailand, 09. 04. 1877. Hrsg. von Klaus Lichem und Wolfgang Würdinger (2013). In: Bernhard Hurch (Hrsg.): Hugo Schuchardt Archiv. Online unter https://gams.uni-graz.at/o:hsa.letter.882, abgerufen am 02. 02. 2023. Handle: hdl.handle.net/ 11471/518.10.1.882.


|1|

Milano, 9 aprile 1877.

Amico pregiatissimo,

Ho aspettato alcuni giorni, per vedere quel che mi scrivessero da Firenze e da Roma; ma nulla m'è arrivato dal mezzogiorno, e all'incontro m'è giunta dal settentrione una interpellanza molto stringente, alla quale ho dovuto dare prontissima risposta.

La mia situazione è un po' curiosa. E come italiano e come semi-romanista, io vedrei di gran cuore che la parte dell'Italia riuscisse cospicua nella dimostrazione d'onore che tutti voglion fatta al Maestro. 1 Ma, lasciando andare che le sperienze della 'Bopp-' e della 'Curtius-Stiftung' (casi, per vero, non poco diversi dal nostro) non mi permettono in nessun modo di sperare gran che, c'è che la|2| mia qualunque attività è come anticipatamente paralizzata, pel fatto inevitabile (del quale, bene inteso, io punto non mi dolgo) ch'Ella ha dovuto tentare, come a mia insaputa, la formazione di un nuovo comitato2, quasi in lotta con quello di Berlino, al qual nuovo comitato io appena mi dovrei aggregare quando i Berlinesi avesser desistito dalle loro idee e così avesser compreso anche me nella loro evoluzione. Diverrei una specie di appendice forzata, e mi par manifesto che non potrei più giovar nulla o pressochè nulla.

A ogni modo, il Tobler m'interpellò a-brucia-pelo, per sentire se mi conveniva che il Comitato berlinese si rivolgesse lui con un appello diretto ai|3| romanisti italiani, e se insomma intendevo di far qualcosa secondo che avevo pur loro promesso.

Risposi, mostrando il mio imbarazzo; declinando i nomi ch'eran pronti per la formazione del sub-comitato italiano (Asc., Rajna, D'Ovidio, e Löscher tesoriere) 3; dichiarando che questo sub-comitato potrebbe senz'altro entrare in funzione, e tanto più facilmente il potrebbe, o anzi dovrebbe, quando sopraggiungesse il nuovo appello da Berlino; e conchiudendo, che se a loro paresse ormai opportuno di lasciarmi in disparte, lo facessero per carità senz'alcunissimo riguardo, che io ne sarei loro più che grato.

E quest'è la verità vera; poichè, senza colpa di nessuno, e anzi tutti pur essendo animati dai migliori sentimenti, mi par nondimeno che le |4|cose si sien molto male ingarbugliate, e, per l'Italia in ispecie, più non lascino alcuna bella speranza.

A me ne duole doppiamente, perchè m'è tolto così (o almeno per ora così deve parermi) di secondare un Suo vivo desiderio che si sarebbe tanto bene conciliato col mio sentimento e col mio dovere; ma Lei mi scuserà, ne son certo, vedendo come io soggiaccia alla necessità delle cose.

Intanto Le rendo grazie pel Suo articolo, che m'è parso molto buono, ma che non s'è ancora veduto, o almeno non fu da me veduto, nella 'Perseveranza'. 4 // Mi scriva di frequente, scusi l'orribilissima fretta, e mi voglia sempre bene.

Suo dev.mo aff.mo

G. I. ASCOLI.


1 Gemeint sind Friedrich Diez und die zu errichtende Diez-Stiftung.

2 Ascoli spielt auf den Wiener Aufruf zur Diez-Stiftung an, in dem die Internationalität der geplanten Diezstiftung betont wird, und dessen Promotor Hugo Schuchardt war: Aufruf zur Diez-Stiftung, Flugblatt, Wien, 1877 (Brevier-/Archivnr. 92).

3 Vgl. dazu: Appello agli studiosi italiani concernentela "Fondazione Diez", zuerst erschienen als Flugblatt (20. 4. 1877), später abgedruckt im AGI 4 (1878), 425-428.

4 Die italienische Übersetzung von Schuchardts Aufsatz Eine Diezstiftung (Brevier-/Archivnr. 90) mit dem Titel Di una fondazione Diez er­schien erst am 9. Mai in der Zeitung La Perseveranza.

Faksimiles: Universitätsbibliothek Graz Abteilung für Sondersammlungen, Creative commons CC BY-NC https://creativecommons.org/licenses/by-nc/4.0/ (Sig. 00218)