Graziadio Isaia Ascoli an Hugo Schuchardt (188-00336)

von Graziadio Isaia Ascoli

an Hugo Schuchardt

Mailand

14. 04. 1904

language Italienisch

Schlagwörter: Premio dei Lincei Accademia dei Lincei (Rom) Trombetti, Alfredo Mussafia, Adolf Meyer-Lübke, Wilhelm Meyer, Paul Palermo Paris Schuchardt, Hugo (1904)

Zitiervorschlag: Graziadio Isaia Ascoli an Hugo Schuchardt (188-00336). Mailand, 14. 04. 1904. Hrsg. von Klaus Lichem und Wolfgang Würdinger (2013). In: Bernhard Hurch (Hrsg.): Hugo Schuchardt Archiv. Online unter https://gams.uni-graz.at/o:hsa.letter.1339, abgerufen am 29. 01. 2023. Handle: hdl.handle.net/ 11471/518.10.1.1339.


|1|

Milano, 14.4.'904.

Amico onorandissimo;

ebbi a tempo debito le buone vostre lettere dell'8 febbrajo e 1° corr.1; ma una gran quantità di piccole faccende è venuta a interrompere inesorabilmente ogni mia corrispondenza.

Tacqui dunque, per forza, anche sul conto dei libri che mi furon da voi provveduti. Ma non crediate già, che io rinunzii a vendicarmi. Non appena sia uscita la nuova edizione di quei "Repertorj"2, voi riceverete in dono da me la collezione tutt'intiera, rilegata con quel maggior lusso che la storia della cultura conosca, cioè in pelle umana. Metà dei volumetti sarà in pelle di Giapponesi, e metà in pelle di Russi.

Ho veduto con molta riconoscenza che non abbiate dimenticato l'Italia nel discorrere del povero Paris.3 Ma voi siete dei pochi, in cui l'imparzialità è una funzione facile e naturale. Siete di tempra schiettamente buona e sapete intangibile il vostro patrimonio ingentissimo!

Insieme ho veduto con molta soddisfazione |2|come riusciate a confessare le calunnie di cui vi siete reso colpevole verso voi stesso. Dopo aver proclamato che v'è assolutamente impossibile di attendere a più d'una cosa per volta, eccovi costretto a convenire che avete condotto di fronte una mezza dozzina di poderosi lavori, tutti ad un tempo.

Leggerò con vivo piacere la vostra relazione sulla lingua ausiliare.4 E' un soggetto intorno al quale s'è affaticata la mia povera gioventù. Di vecchi lavori pasigrafici e pasilalici ne ho un buon dato nella mia modesta biblioteca.

Il Trombetti avrà un grande giovamento dal vostro così splendido giudizio. Quanto alla restituzione del manoscritto, poichè non vi si chiede, è certamente segno che non ne hanno fretta. Il premio sarà conferito il 5 di giugno. Nel maggio sarà convocata la commissione; m'imagino intorno la metà del mese. I commissarj sogliono portar con |3|sè i loro appunti. Se voi non venite, mi pare che vi toccherà spedire il vostro parere alla presidenza o alla segreteria, quando riceverete l'invito di codesta convocazione. I commissarj, come già vi devo aver detto, discuton naturalmente la bisogna, e venuti che sieno a una conclusione, eleggono, nel loro seno, il relatore. In una convocazione successiva, si legge e discute la relazione, che è poi letta e discussa dinanzi all'Academia, uno o due giorni prima della seduta solenne. Nella qual seduta se ne legge un sunterello.

Aspettavo dal Mussafia una risposta, e ora capisco perchè non m'arrivi! Del Meyer-Lübke non ho recenti nuove, ma voglio sperare che vada di bene in meglio. Di recente ho qui avuto Paul Meyer e il Förster, allegro il primo, non il secondo, diretto a Palermo per ragion di salute, e fermatosi poi a Torino, perchè il medico lo sconsigliava dal proseguire.

Statevi sano; prendete moglie; e vogliatemi sempre
il div.mo aff.mo vro

G. I. Ascoli.


1 186-B76_17, 187-B76_18.

2 Vgl. 182-00333.

3 Hugo Schuchardt: Trouver (drittes Stück), in: ZRP 28 (1904), 36-55 (Brevier-/Archivnr. 460). - Vgl. v. a. 50-55.

4 Vgl. 187-B76_18, Anm. 1.

Faksimiles: Universitätsbibliothek Graz Abteilung für Sondersammlungen, Creative commons CC BY-NC https://creativecommons.org/licenses/by-nc/4.0/ (Sig. 00336)