Graziadio Isaia Ascoli an Hugo Schuchardt (086-00269)

von Graziadio Isaia Ascoli

an Hugo Schuchardt

Mailand

08. 12. 1886

language Italienisch

Schlagwörter: Lautwandellanguage Sardischlanguage Vulgärlatein

Zitiervorschlag: Graziadio Isaia Ascoli an Hugo Schuchardt (086-00269). Mailand, 08. 12. 1886. Hrsg. von Klaus Lichem und Wolfgang Würdinger (2013). In: Bernhard Hurch (Hrsg.): Hugo Schuchardt Archiv. Online unter https://gams.uni-graz.at/o:hsa.letter.1215, abgerufen am 29. 01. 2023. Handle: hdl.handle.net/ 11471/518.10.1.1215.


|1|

Amico pregiatissimo.-

Io vorrei poter discorrere ogni giorno con voi,- con voi, dalla cui simpatia io ripeto uno dei massimi impulsi a perseverare il men male che io possa. Ma, pur troppo, lo spazio ci separa, e la conversazione non può avvenire se non a strappi. Quello che si scrive o si stampa è pur sempre una magrissima cosa!- Il sardo log. è senza dubbio (per dire anche oggi una parola nella nostra controversia) un dialetto solo; ma voi mi sapete insegnare che c'è, in molti casi, l'uno che fa per tutti. Se il log. dice sero sero (tardi) e dice all'incontro segundu secundum, ne viene egli, o non ne viene, che la differenza fosse sentita nel lat. volg.?

Vogliate sempre bene al

Vro affmo A.

Mil., 8. 12. 86.

|2|

Faksimiles: Universitätsbibliothek Graz Abteilung für Sondersammlungen, Creative commons CC BY-NC https://creativecommons.org/licenses/by-nc/4.0/ (Sig. 00269)