Zitiervorschlag: Antonio Piazza (Hrsg.): "Num. 23", in: Gazzetta urbana veneta, Vol.3\023 (1789), S. 177-184, ediert in: Ertler, Klaus-Dieter / Dickhaut, Kirsten / Fuchs, Alexandra (Hrsg.): Die "Spectators" im internationalen Kontext. Digitale Edition, Graz 2011- . hdl.handle.net/11471/513.20.2451 [aufgerufen am: ].


Ebene 1►

Num. 23.

Sabbato 21. Marzo 1789.

Ebene 2►

Ristretto di tutti li Nati

In Venezia l’anno 1788.

Nel Sestier di S. Marco.

Putti Putte

S. Marco N - N 3

S. Basso N 6 N 4

S. Ziminian N 22 N 18

S. Moisè N 25 N 38

S. Zulian N15 N 18

S. Bortolamio N 11 N 14

S. Salvador N 22 N 25

S. Lucca N 29 N 28

S. Benetto N 11 N 7

S. Paternian N 4 N 8

S. Fantin N 4 N 5

S. Maria Zobenigo N 9 N 15

S. Maurizio N 6 N 15

S. Anzolo N 30 N 32

S. Vidal N 9 N 7

S. Samuel N 40 N 20

Summa N 243 N 257

Summa N 500

Nel Sestier di Castello

S. Piero N 212 N 201

S. Biasio N 19 N 8

S. Martin N 69 N 59

S. Ternita N 50 N 52

S. Giustina N 18 N 37

S. Zuanne Bragora N 16 N 32

S. Antonino N 23 N 18

S. Provolo N 10 N 8

S. Severo N 13 N 19

S. Zuanne Novo N 16 N 21

S. Marina N 29 N 25

S. Maria Formosa N 48 N 53

S. Lio N 21 N 19

S. Elisabetta di Lido N 7 N 7

Ospital della Pietà N 240 N 239

S. Zorzi de Greci N 5 N 5

Summa N 796 N 803

Summa N 1599

Nel Sestier di Canareggio

S. Geremia N 98 N 98

S. Lunardo N 13 N 15

S. Marcuola N 109 N 94

S. Marcilian N 55 N 62

S. Maria Maddalena N 9 N 5

S. Fosca N 9 N 10

S. Felice N 31 N 25

S. Soffia N 49 N 54

Ss. Appostoli N 57 N 62

S. Cancian N 64 N 61

[178] S. Maria Nova N 11 N 15

S. Gio: Grisostom N 17 N 9

Ghetto Novo, e Vecchio N 25 N 13

Summa N 547 N 523

Summa N 1070

Nel Sestier di S. Polo

S. Polo N 35 N 32

S. Tommaso N 15 N 15

S. Stin N 9 N 6

S. Agostin N 12 N 13

S. Boldo N 8 N 6

S. Aponal N 29 N 32

S. Silvestro N 21 N 18

S. Mattio N 11 N 11

S. Zuanne di Rialto N 15 N 16

Summa N 152 N 155

Summa N 307

Nel Sestier di S. Croce.

S. Croce N. 66 N 61

S. Lucia N 17 N 5

S. Simon Profeta N 44 N 40

S. Simon Appostolo N 19 N 16

S. Zuanne Decolato N 6 N 8

S. Giacomo dall’Orio N 62 N 52

S. Stae N 22 N 22

S. Maria Mater Domini N 13 N 11

S. Cassan N 32 N 35

Summa N 281 N 250

Summa N 531

Nel Sestier di dorso duro

S. Niccolò N 74 N 61

S. Raffael N 85 N 62

S. Baseggio N 35 N 27

S. Margarita N 48 N 42

S. Pantalon N 39 N 41

S. Barnaba N 38 N 43

S. Trovaso N 45 N 35

S. Agnese N 34 N 29

S. Vido N 30 N 17

S. Gregorio N 20 N 28

S. Eufemia N 88 N 81

Summa N 536 N 466

Summa N 1002

Summa Summarum N 2558 N 2452

Summa delli Nati di tutti li Sestieri N 5009.

Li morti nel Foglio di Mercordì vent.

Libri usciti di fresco da’torchi Veneti.

Continuation des Annales Politiques par M. Linguet. T. 14me. Num. 109 al 112. Chez Graziosi 1788. 8vo.

Manzoni Continuaz. delle Lez. Catechistiche Tom. 12 e 13 presso il Piotto 1788. 12.

Verci Continuaz. della Storia della Marca Trivigiana Tom. 9 e 10 presso lo Storti 1788. 8vo.

Gerra Compendio della Rettorica T. 2 in 8vo.

Opstraet Pastor bonus in 12.

Dènreunier Spirito degli usi de’Popoli T. 3. in 8vo.

Ceppani Vita di San Luigi Gonzaga in 8vo.

Questi appresso Gio Ant. Pezzane 1788.

Favole di Esopo. Presso il Viezzeri 1789. 12.

Garotti Lettere Mercantili. Presso il Rosa 1789.12.

Flavio. Continuaz. delle antichità Giudaiche T. 5to. Presso il Chellero 1788. 8vo.

Encyclopedie Continuation Grammaire & Litterature T. 3me. 2de Partie. Padoue 1788 in 4to.

Atlas Encyclopedique T. prem. Partie prem. Padoue 1789 in 4to.

Iriarte. La Musica, Poema trad. dal Castigliano dall’Ab. Garzia. Presso il Curti 1789. 8vo.

[179] Continuaz. del Prospetto dell’Asia, Affrica, ed America, Tomo sesto presso il sud. 1788. In 8vo.

Vio. Prediche T. 2. presso il sud. 1789 4to.

Si avvisa che continuasi l’edizione del Giornale Letterario di Bouillon trad. in italiano, e ne uscirà un tomo trà pochi giorni.

In Treviso.

Opere di Giov. Pozzobon detto lo Schiesone Vol. Primo contenente le notizie della sua vita, e li Sonetti, col di lui ritratto in rame. Appresso Ant. Pozzobon.

Dissertaz. Agraria del fu Arciprete Spada corredata di rami. Appresso il ud. in 4to.

Proseguimento dell’Orazione Funebre.

Ecce totum meritum Patriae adscribitur. Sed quanta industria opus erat, ut quae Rainerius solus excogitaverat, perficere in arduis circumstantiis posset! Excogitat sane acriter, & aeque feliciter perficit. Quaerit ipse pecunias censu gravissimo, ut ibi mos est. Fingite vobi P. C. gloriosum illud nostrae genti spectaculum. Ecce quadraginta octo nave, ex Aegypto Constantinopolim appulsas , frumento onustas. Accurrunt ad littus populi, & Veneta insignia adertentes, Vivant Veneti, certatim exclamant: venientes plausu excipiunt, abentibus faussum iter, brevem reditum augurantur. Inde per totam urbem, Vivant Vivant Veneti vociferantes, Venetos omnium graduum hominibus reddunt amabiles. Non minus qui primos Magistratus & Praefecturas exercent, quin ipse Imperator animum in Rempublicam diu propensum mirabiliter confirmat, & contractam amicitiam & firmius & suaviter auget. Interea Veneta mercaturae incumbentes, & navium ductores magnum etiam lucrum reportant, ex aliarum etiam rerum commercio, cui hoc occasionem explanat. O miram Rainerii industriam o misericordiam singularem in homines etiam exteros! o mentem in rebus politicis eximiam! Conjunxisti inter Principes fovendae & augendae amicitiae occasionem, Genti tuae non tantum exterorum animos conciliasti, sed lucro eam simul locupletasti, sed lucro cum communi salute, cum publica felicitate, cum omnium ordinum plausu conjuncto. Publicum horreum in dies auxisti in civitate pene innumerabili multidudine exundante, neque sociam belli famem ibi permittis immorari, sollicitus ut omnis in populo victus penuria, & penuriae timor evanescat. Praetereo immensam auri copiam pro Imperatoris aerario tibi ex Aegypto transmissam, in qua eam utilitatem respuisti, quam in multo minori pondere aliae nationes sibi quaerere studerunt. Praetereo plurima, in quibus pariter Legati dignitas, & Veneti nominis gloria mirabiliter illuxit, omnia licet invitus praetereo, ut in patriam te comitatus dotes, quas a natura liberaliter accepisti, studio & diligentia perfecisti, gloriosis meritis illustrasti, majori praemio quod Patria conferre potest, coronatas aspiciam. Vacat Ducalis Sedes obitu Aloysii Moncenici piissimi Principis, quem venerabatur civitas, & etiamuum cum lacrymis memorat. Plures meritis conspicui Patres ei suffici poterant: talibus enim Proceribus civitas Heroum altrix abundat. In tanta virorum diademate dignorum copia nemo unus fuit, qui non illud Rainerio ultro detulerit. Eligitur itaque Paullus Rainerius, eligitur Heros, qui omnes naturae dotes ad Supremam Dignitatem fortitus studio & diligentia perfecerat. Haec electio maxima Rainerii laus. Verum enim vero quid illustrius, quam in tanta clarissimorum virorum collectione Rainerium [180] seligi? Laude, Princeps Clarissime, felici testimonio tot Procerum laudum tuarum gloriam coronari. Neque enim te assentatorum artes, non catus arbitrium, sed meritum, sed communia Optimatum suffragia in Solio collocarunt. Jamvero qui summum gloriae apicem in libera Patria attigisti, sub umbra meritorum tuorum quiescere. Quod aptas tua postulat, deinceps quiescere poteris. Patriae quidem fatis vixisti: tibi ipsi imposterum vive. Quid dico, P. C.? Aut qui fieri posse credam, ut qui Patriae clarissimae vixisse se semper & verbis protestatus est, & factis, eidem vixisse se satis, quoad vita frueretur, Princeps putaret? Nostis sane quas curas pro communi bono, pro templorum decore, & publica utilitate juvenili quodam ardore, senili vero prudentia, & constanti in patriam charitate in reliquo vitae curriculo Dux noster assumpserit, atque earum memoriam recentem animis vestris altius infixam nulla certe unquam delebit oblivio. Ego vero eas vix, aut ne vix quidem leviter perstringendas censeo; ne si forte in iis immoretur Oratio, plurimorum, qui adsunt, vulnus acerbum in tanti viri jactura perfricando, dolorem videar non linire conari, sed augere. Meministis qua eloquentia, quo teneru affectu saepe in Senatu Patrum animos recreavit, praecipuo cum aliquae diffensiones suborirentur, lacrymis etiam Ora Oratoris animum experimentibus communem tranquillitatem stabiliendam felicissime obtinuit. At praetereamus merita, quae uberrime indicata sunt: ad fortunam, quae Principi clarissimo visa est arridere, ut animi vestri a maerore nunc aliquantulum recreentur, transeamus.

Paullo Rainerio Duce exultavit Adriaca civitas Imperatorum, Regum, Principum adventu decorata. Quantum populis laetitiae, Patritiis gloriae tantae dignitatis hospites afferant, nemo est qui ignoret. Quae spectacula aliis urbibus ignota Regalium Hospitum obsequio exhibentur, quibus officiis reverentiam & dilectionem praestare solent ipsi Proceres praetermittam. At si hujusmodi honoribus assueta est fortunatissima civitas, duos Principes omittere oscitantiae mihi tribueretur, Principes ex magis diffitis regionibus, & ab suo digressos imperio, quod magnam Europae & Asiae partem amplectitur, subditis multitudine infinitis, moribus & indole inter se diversis, mira post Magnum Moschorum Imperatorem Petrum cultura instructis, a Maxima Catharina II ad culmen felicitatis evectis, belli & pacis legibus sapienter excultis. Sane fuerat mens Magni Petri Venetias accedere, sed bello civili Moschoviae repente exorto impeditus tale desiderium Nepotibus suis explendum reliquit. Ergo tota civitas Magni Moschorum Ducis ejusque lectissimae Conjugis aspectu, humanitate & ingenio recreata sese in plausus effudit. Senatus ipse tot publica oblectamenta & spectacula exhibuit, ut nullus aut veterum memoria descripta, aut fama posteri tradita hisce similia memorare valeat.

Duce Paullo Rainerio haec eadem civitas vidit Summum Ecclesiae Caput, Principem Sacerdotum, Pium VI, ipsius Jesu Christi Vicarium, S. Petri Successorem. Memorant adhuc omnes summa benignitatem Pontificis, & affabilitatem, qua omnium corda rapiebat. Hic narat se manus & pedes deosculatum esse, ille gratias & indulgentias ab ipso benigne concessas, ille quo loco transeuntem vidit, quo loco benedictionem, ut dicimus, fortius est. Certe in toto suo itinere ea, quam exigebat summa Dignitas, reverentia excipiebatur, sed in tota Ditione Veneta tanta fuit hominum affluentia [181] ut in longo viarum tractu non campi solitarii, sed veluti nundinarum forum frequentissimum atque continuum hinc, atque hinc appareret. Matres elatis brachiis filios exhibebant, gregem pastores, armenta rustici, ut benedictionem acciperent, atque haec omnia inter festivas confluentium acclamationes. At si pietas Veneta in Urbibus & pagis subditis tam mirabiliter illuxit, quanto magis in urbe principe emicuit, in qua nunc quoque non sine grato ac religioso animi sensu adventus Maximi Pontificis memoratur.

Metatextualität► (Mercordì il resto.) ◀Metatextualität

19. Marzo 1789.

Alla C. V. Mane.

Risoluti li Signori Domenico, e Pietro Antonio Fratelli Dalla Balla di Conegliano di devenire alla Divisione della Fraterna, hanno firmato li 6. Aprile 1777. un Compromesso de jure & de facto, More Veneto, & inappellabiliter, in due Giudici Arbitri, comuni Amici ed amicabili Componitori; con onnimoda facoltà di separare e dividere il Patrimonio di detti Fratelli, e d’assegnare ad ognuno d’essi la tangente porzione. Hanno poi nel 1779. ratificato il Compromesso medesimo, ed aggiunto un terzo Giudice Compromissario, che unitamente agli altri due debba decidere e terminare tutte le vertenze insorte, e che potessero insorgere: ripetendo le sovraespresse dichiarazioni rapporto all’inappellabilità di quanto venisse dai medesimi giudicato; e promettendo di tutto eseguire inviolabilmente, come se fosse uno Spazzo di Laudo d’un Consiglio Serenissimo di 40.

Proferirono detti tre Giudici la loro Sentenza, diramata in quaranta Capi, nel 37. de’quali s’esprimono con questi termini: Se nell’esecuzione di quanto se è come sopra ordinato, e prescritto, o se pure insorgesse qualche altro emergente, a cui non fosse nella presente proveduto, e che avesse bisogno della nostra opera, si riserviamo di prestarla a seconda delle esigenze, sempre che ne saremo ricercati, per terminare e decidere quel più che in seguito occorresse.

A metodo di detta Sentenza fu anche fatta l’Estrazion delle Parti da assegnarsi respettivamente ai Fratelli: e fu ai Giudici Arbitri deferito il giuramento di aver deciso a tenor di quanto hanno creduto d’equità e di giustizia.

Aggravandosi però di detta Sentenza in alcune parti il Sig. Domenico, interpose della medesima in parte & partibus l’Appellazione al Consiglio Eccellentissimo di 40. C. N. Ma l’altro Fratello Sig. Pietro Antonio, col fondamento che la Sentenza per la forza del Compromesso è per sè inappellabile, citò per depennazione di detta Appellazione avanti gli Eccellentissimi Capi di detto Consiglio. Questa Causa pendente alla confermazion o depennazion di detta Appellazione, fu definita e composta con un Accordo 1780. 9. Febbrajo M. V., che fu poi l’Atto reo del presente Giudizio.

Ecco le precise parole dell’Accordo: Resta rimossa la sudetta Appellazione come se interposta non fosse, per l’effetto che professando tanto l’uno, quanto l’altro Fratello, alcun gravame a fronte di detta Sentenza Arbitraria abbia ad esser dedotto avanti li Giudici Arbitrarj per quelle regolazioni, che fossero di giustizia. Fu soggiunto ancora, che potrà ognuno de’Fratelli proponere anco ogn’altra azione e ragione che non fosse stata proposta, nè giudicata con la Sentenza arbitraria sudetta da esser proposta pure in via Compromissaria.

[182] Tale Scrittura d’Accordo fu dalle Parti prodotta negli Atti di detto Ser. Con. figlio per implorare in ogni tempo e caso l’Autorità degli Eccellentissimi Signori Capi per la sua inviolabile esecuzione.

Nel 1782. il Sig. Domenico produsse un’Estesa avanti gli Eccell. Capi di detto Consiglio, implorando in pretesa esecuzione di detto Accordo, che debba esser fatta da ciascheduno d’essi Fratelli la respettiva elezione del Giudice Compromissario; onde quella seguita possano dai medesimi venir proposte le azioni e ragioni competenti.

Si rispose per parte del Sig. Pietro Antonio, che per l’esecuzion dell’Accordo non deve esser fatta elezione di nuovi Giudici Arbitri; ma deve puramente esser dedotto avanti li Giudici Arbitri già eletti in passato, ogni gravame de’Fratelli a fronte della seguita Arbitraria Sentenza, per quelle regolazioni che fossero di giustizia; ed esser parimenti dedotta avanti agli stessi ogni altra respettiva azione e ragione, che non fosse stata proposta, nè con essa Sentenza giudicata. Seguito il Giudizio di due e uno avanti gli Eccell. Capi a favor del Fratello Domenico, e appellato dall’altro Fratello al Consiglio Ser. di 40. C. V. si era in questo giorno a cercare, qual esser dovesse la vera esecuzion da prestarsi al seguito Accordo.

Si disputava al taglio, che il voler che l’effetto e lo spirito dell’Accordo sa di dover far elezione d’Arbitri nuovi, è lo stesso che voler cessa la Causa che coll’Accordo anzi restò composta; e pretender in fine appellabile una Sentenza inappellabile per sè medesima.

Si rispondeva dall’altra parte, che il voler che si debba tornar dagli stessi Giudici è cosa irregolare ed irragionevole; perchè un Giudice c’ha proferito Sentenza una volta, non può esser più Giudice d’Appellazione nella Causa medesima.

Ma per parte al taglio non si volea nemmeno, che i già eletti Giudici esser dovessero giudici d’Appellazione; ma solo che o decidessero sopra ciò che non fosse per anco stato loro assoggettato, o che su quello c’hanno deciso facessero, in figura d’Arbitri e Compositori, quelle regolazioni che fossero di giustizia: e ciò a senso ancora dell’indicata riserva del Capitolo 37. della loro Arbitraria Sentenza. Così appunto fu deciso con uno Spazzo a favor del Sig. Pietro Antonio di voti

Q. Inc. 22. Q. Laud. 9. N. S. o.

Avv. al Taglio

Ecc. Orlandi

Ecc. Co. Alcaini

Inter. Calvi

Interv. Orsini.

Avv. al Laudo

Ecc. Cromer

Ecc. Bagolin

Interv. Fossati.

Nella mattina dello scorso vicino Mercordì ebbe visita di complimento il nostro Serenissimo Doge da S. E. Reverendissia Monsignor Patriarca. Furono poi ammessi all’uffizio di riverente congratulazione li Cantori di questa Cappella Ducale scortati dal celebre loro Maestro Signor Ferdinando Bertoni. Successero ad essi nel consueto atto d’ossequio altri Corpi, o immediatamente dipendenti dalla Potestà Ducale, o distinti in classi onorifihe o ministeriali sotto gli auspizi di questo Repubblicano Governo. Tanto che non v’ha dignità Ecclesiastica o Scolare, nè civili Conforzj, che non faccian conoscere in queste occasioni, e ne’lieti augurj al rinnovarsi dell’anno, quanto sia eminente sugli altri tutti il grado d’un Doge Veneto, e quanto sian venerate le insegne della Sovranità con cui fregia l’illustre suo Capo il Serenissimo Maggior Consiglio. Accostumavano ne’passati tempi le Città sudditte di manda-[183]re i lor Deputati a complimentare i Dogi sulla loro elezione, e tuttora li nominano all’occasione, ma venendo essi dispensati incaricansi dell’uffizio i Nunzj che le rappresentano, come pur quelli de’Territorj.

Tra l’estraordinarie dimostrazioni di giubilo per l’esaltazione di S. S. Lodovico Manin si avrà la sera della Domenica 29 corrente quella d’una Cantata composta da dotta penna, e messa in musica dal prelodato Signor Maestro Bertoni. Esecutori delle prime Parti saranno il Signor Pacchierotti e la Signora Casentini. Si fann’onore di questo nobile trattenimento li Signori Mercanti di questa Piazza al loro magnifico Casino nelle Procuratie Vecchie denominato una volta di S. Benedetto; e s’ha a credere certamente, che una si rispettabile Società voglia renderlo degno in ogni sua parte del grand’oggetto che la mosse, e corrispondente alla generosità degl’individui che la compongono.

Sarebbe una mancanza inescusabile di questo Foglio se intorno alle Feste seguite in Ca Mocenigo nulla si aggiungesse al già detto. Fu sì comune la sorpresa e la soddisfazione della gente innumerabile, che ne ha goduto, ch’è dover di giustizia il manifestarla ovunque estendesi questa Gazzetta. Perchè non solo i Nobili, i Forastieri, gli Uffiziali, gli Ecclesiastici, e le persone raccomandate dagli abiti risplendenti, ma chiunque d’un sesso, o l’altro, era decentemente vestito, e di non volgar condizione, aveva libero accesso nell’ampio e superbo Palazzo. Aperto questo alla pubblica concorrenza non si volle ch’avessero l’esclusiva, che la Plebe, o gli uomini indegni d’esservi ammessi, e in questo modo col miglior ordine possibile, ad onta d’una moltitudine immensa, godettero della memoranda magnificenza tutti gli ordini ond’è divisa questa gran Popolazione, prescindendo dall’infimo.

Per tal effetto ad un pensier così vasto nulla meno volevaci che una Corte, e tale può dirsi l’unione de’tre Palazzi sul Canal Grande d’aperta comunicazione tra loro. Ci voleva una principesca generosità, che resistesse alle gravissime spese d’illuminar tanti luoghi, e di regalar di rinfreschi, di dolci galanterie, e di costosi garofani un mondo di gente. Fu tale in fatti la profusione, che lo scialacquo di cere s’ascrisse a difetto per l’eccessivo calore diffuso da cui tutti si ristoravano coll’acque di limone, e d’arancia, co’sorbetti, e co’frutti gelati. Servite in fulgidi argenti, da Camerieri eleganti, in istanze riccamente fornite, tante e tante donne in zendado avvezze ad una necessaria semplicità, dovettero credersi in que’momenti qualche cosa di grande, nè si saranno umiliate che al ritorno alle loro case. Godendo de’grati suoni delle armoniose Orchestre, ebbero poi a parte a parte la compiacenza di vedere il Ballo introdotte dalla gentilezza de’Cavalieri destinati alla direzione della Sala ove raccolto il fiore della Nobiltà vivamente brillava la nobilissima adunanza. Per soddisfare a poco a poco questo Sesso curiosissimo di simili spettacoli, gli Uomini come nel Dogado, restavano indietro, e lasciavano che passassero a godersela le loro femmine. Vi furono de’serventi gelosi, che rider fecero alle loro spese certi osservatori, che al distacco studiavano le loro sensazioni.

I fuochi Inglesi sul canal grande, ed in campo a S. Stefano, i copiosissimi accesi Ludri, i tiri de’Mascoli, il suono a sesta delle campane, divertirono il Popolo, e solennizzarono la fausta elezione. Il mirar dall’opposta parte, o trapassando sull’acqua, que’superbi Palazzi illuminati si vivamente dall’alto al basso, era una delizia ammirevole, una spezie d’incanto. Durò l’ultimo Festino sin a giorno chiaro, e diede compimento a’pubblici trattamenti, così degni della somma magnificenza dell’Eccell. Fam. Mocenigo.

[184] Non si deve tacere, che attualmente essendo al Reggimento di Verona S. E. K. e Proc. il di lui Palazzo trovavasi in gran parte sfornito, come gli altri due contigui, che s’unirono in comunicazione per il pubblico ricevimento; e che nel corso di sole ore 7 tutto fu arredato e allestito colla maggiore splendidezza. Non devesi neppure defraudare della dovuta lode l’infaticabile ed abilissimo Sig. Giov. Bernardi, che dopo le due precedenti occasioni d’esercitare il suo merito con universale approvazione, in questa terza lo mise al colmo colle più ben intese disposizioni eseguite quanto meglio potevasi da tutti quelli, che da lui dipendevano.

La sera del Giovedì non lasciò in riposo i dilettanti della musicale armonia. Li Signori Seguaci d’Orfeo diedero una scelta Accademia nella quale cantò il Sig. Pacchierotti, e la sua Compagna.

Cambj.

Venerdì 20 Marzo.

Lione 58 e mezzo. Parigi 58 e un 4to. Roma 62 e mezzo. Napoli 118 e un 4to. Livorno 100. Milano 155. Genova 92 e un 3zo. Amsterdam 92 e un 8vo. Londra 48 e 3 4ti. Augusta 101 e 7 8vi. Vienna 195 e 3 4ti.

Morti.

s. Marc’Ant. Donà qu. Dom. d’anni 55. Della Contrada di S. Barnaba. ◀Ebene 2

Estrazione del Pubblico Lotto di Venezia 21 Marzo 1789.

Introito.

Di Venezia L. 181898:12

Di Terra Ferma L. 128209:12

L. 310108; 4 sono D. 50017:11

Numeri Estratti 43. 80. 73. 48. 60.

Qualità e quantità de’Terni.

Vincite.

N. 1. Da Duc. 2000.

Ambi coll’Augumento D. 13095: N.2 da Duc. 500.

Terni simili D. 10740: N 2. da Duc. 300.

Estratti D. 81100: N. 2. da Duc. 200.

N. 2. da Duc. 150.

D. 24935: N. 14. da Duc. 100.

N. 23. da Duc 50.

N. 17. da Duc. 25.

N. 63.

La ventura Estrazione sarà li 24. Aprile 1789. ◀Ebene 1