Citazione bibliografica: Giovanni Ferri di S. Costante (Ed.): "La morte d’una buona madre", in: Lo Spettatore italiano, Vol.4\55 (1822), pp. 335-338, edito in: Ertler, Klaus-Dieter / Fuchs, Alexandra (Ed.): Gli "Spectators" nel contesto internazionale. Edizione digitale, Graz 2011- . hdl.handle.net/11471/513.20.919 [consultato il: ].


Livello 1►

La morte d’una buona madre

Citazione/Motto► Santi costumi, e per virtù baldanza,
Baldanza umíle, ed innocenza accorta,
E fuor che in ben oprar, nulla fidanza:
Candida fè, che a ben amar conforta,
Avea nel seno, e nella fè costanza:
Donne gentili, questa donna è morta.

Redi. ◀Citazione/Motto

Livello 2► Livello 3► Racconto generale► Livello 4► Eteroritratto► Condurre una vita dimestica; a sè ed alla propria famiglia badare; usar semplicità, giustizia ed onestà, sono virtù quanto meno palesi, tanto più rare e malagevoli. Emilia sì attentamente praticava tali virtù, che ignorava affatto ciò che il gran mondo chiama piaceri, e riponeva la sua felicità nel vivere fra i doveri di sposa e di madre. Senza altro governo che della famigliuola, aveva imperio sul cuor del marito per via di compiacenza, su i figli per via di amorevolezza, e su i servitori per via di affabilità. La sua casa era il seggio dei sentimenti di religione, dell’ordine, della pace interna, de’riposati sonni e salubri. Non vi batteva poverello che n’andasse via a man vuote; nè persona che men che onesta fosse, ardiva accostarvisi. Aveva Emilia una dignitosa e riservata indole da farsi rispettare, aveva modi compiacenti e affettuosi da farsi amare, aveva un praticare savio e costante da farsi temere. Tutto [336] che diceva, tutto che operava, Emilia non era che grazia e semplicità. Ella sola parea che ignorasse essere stata dalla natura ornata de’suoi doni più rari, onde rendere la virtù più bella. Novella Cornelia, poteva Emilia, facendo mostra de’suoi figliuoli, dire: Ecco i miei abbigliamenti, ecco le mie gioie. Andava ella formandogli con i suoi savi e pii ammaestramenti; ma erano il di lei esempio, l’allettamento delle temperate virtù e dell’amor materno che davano ai precetti una forza irresistibile, e che spargevano intorno a lei i sentimenti d’amicizia, di benevolenza e di felicità. ◀Eteroritratto ◀Livello 4

Ma ecco ahimè! che la miglior madre

Livello 3► Citazione/Motto► Compiè la sua giornata innanzi sera.

Petr. ◀Citazione/Motto ◀Livello 3

Ella avvicinavasi agli ultimi suoi momenti quando io mi recai da Bonaldo, suo marito e mio amico, per porgergli qualche consolazione, o almeno per dividere il suo dolore. Appena m’ebbe veduto Bonaldo, lagrimando mi si fece avanti, e menommi alla sua donna che voleva dirmi l’ultimo addio. Che pietoso spettacolo presentava la desolata famiglia! stavano tutti intorno al letto di morte sconsolati in vista e compassionevoli. La prima figlia, di forse quindici anni, tutta somigliante alla madre, era intesa a prestarle la più tenera assistenza, sforzandosi, ma invano, di frenare le sue lagrime: gli altri figli tutti inginocchiati a piè del letto pregando Iddio a non privarli della lor madre adorata. Ma quello che più pietà faceva, era l’aspetto del più piccolo, il quale troppo giovine per sentire [337] la gran perdita, piangea perchè vedea piangere i fratelli e le sorelle. La sola persona che in questo luogo di desolazione mostrasse rassegnazione e costanza, era Emilia che moriva.

Quando mi vide accanto al letto, cominciò ella con una voce debole ed affannata: Io riconosco la vostra affezione; abbiate cura del vostro amico: egli avrà pur bisogno dall’amicizia che lo conforti. Ella avea già detto l’ultimo addio al marito ed ai figli, come in tanta dipartita conveniva a persona cui la religione offre le più dolci speranze. Da troppo maggior pietà fui soprappreso ponendo attenzione a Bonaldo da un lato, che per non vie più amareggiar ad Emilia gli estremi sospiri, si affaticava di nascondere il suo dolore; e dall’altro ad Emilia, che per non vie più affliggere il marito, procurava di non mostrare tutto il patimento e tutta l’agonía. E posta la tremante mano alla mano di lui, per non più porvela, ed affissate le sue nelle di lui pupille, perdè la parola, e poco appresso trapassò.

L’amico mio che sin allora s’era tenuto a freno, come s’accorse ch’ella era spirata, messo un altissimo grido le cadde allato tramortito. E chi ha parole a ridire i lamenti, il pianto, la disperazione de’figli a sì misera vista? Nel vedere i genitori privi di sentimento temettero di avergli ambedue perduti, e tentarono di revocarli alla vita con le loro carezze amorose.

Ultimamente avendo Bonaldo ripreso l’uso de’sensi, e veggendo sè esser cagione di maggior doglia ai figliuoli: Ahimè! disse, questi [338] sventurati non hanno lagrime bastanti per piangere la madre, ed io li fo piangare sopra di me? Così l’amor paterno racquetò la sua disperazione, e l’aiutò a racchiudere in seno parte del gran dolore.

Quanti avean conosciuta Emilia si vestirono a lutto; ed i poverelli che lei viva benedissero, lei morta piansero; chè pur essi avean perduta una madre. ◀Racconto generale ◀Livello 3 ◀Livello 2 ◀Livello 1